Guglhupf


Il titolo sempra  un cross tra un singhiozzo ed un insulto, ma posso assicurare che i dolcetti in questione sono davvero piacevoli, specialmente se mangiati ancora caldi , magari con una spolverata leggera di zucchero a velo che non c'è nelle foto perchè non ne avevo quando ho deciso di farli.

Il bello di questi dolcetti è che poi sono fatti con una specie di tostiera sagomata/piastra da waffle a forma di ciambella... occhecavoli non so come chiamarla, ma è comoda e mi permette di non accendere il forno!

Se dico che l'acquisto d'impulso di suddetta macchinetta è opera di mia mamma verrebbe da pensare che queste ciambelline siano ungheresi, ma in realtà il nome ne dovrebbe svelare l'origine tedesca. Io poco ne so, tranne che si preparano in pochi minuti (5/7 di cottura, anche meno per mixare l'impasto) e sono molto gustosi!

Al momento ho provato solo la ricetta base che c'era nel manuale d'istruzioni, ma confido che si possano sperimentare anche varianti che il buon vecchio Google mi suggerirà.

La ricetta base è semplice:
  • 200g farina
  • 1 bustina di lievito
  • vanillina o estratto di vaniglia
  • 200g zucchero
  • 200g burro sciolto
  • 4 uova

E' in effetti una bella bomba calorica, ma le ciambelline sono piccole (credo me ne fossero uscite 18/20) per cui tutto sommato una ciambellina a colazione si può fare... il difficile è fermarsi a una quando escono dalla piastra belle calde!

Tengono benissimo la congelazione, e al mattino basta un minuto al microonde in temperatura scongelamento per averle fresce e pronte per la colazione! Se voglio proprio coccolarmi io le riscaldo ulteriormente per un momento anche appoggiandole sul tostapane... così sembrano appena fatte!

Sicuramente sono state una bella scoperta, e penso proprio che la macchinetta per farle sarà un ottimo apparecchio per preparare un po' di colazioni fatte in casa da congelare - non c'è paragone cone merendine e altri prodotti da forno industriali!




Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails