Pumpkin Pie

IMG_20161211_152108

Okay, la torta in questione l'ho fatta a novembre. E dicembre. Sempre decifrando la ricetta scribacchiata su un foglietto mezzo stracciato attaccato al frigo con un magnete a forma di gatto. 
Siamo a gennaio ed ho pensato che forse sarebbe una buona cosa trascrivere la suddetta ricetta, perchè è davvero davvero davvero buona, e non sia mai che vada persa!


La ricetta poi è di una semplicità imbarazzante; per il ripieno ci vogliono:

  • 600gr  purea di zucca (gli americani comprano quella in scatola già pronta. Io non la trovo, quindi cuocio la zucca in forno e la frullo poi con gli altri ingredienti e viene benissimo).
  • 397g latte zuccherato condensato (è il peso di una scatoletta standard. L'ho trovato anche in versione caramellata in un negozio di cibi etnici con sezione americana, e devo dire ha un suo perchè - ma quello classico della nestlè che si trova nella maggior parte dei supermercati va benissimo)
  • 2 uova
  • 50gr zucchero di canna
  • 50gr farina
  • Spezie - cannella, zenzero, chiodi di garofano,  vaniglia - qb (e sì, la mia amica Katiuzza mi insulterà perchè odia quando dico che bisogna andare un po' a gusti, ma è vero! Partirei da un cucchiaino di cannella, uno di zenzero, un pizzico di chiodi di garofano e vaniglia in abbondanza - ma poi aggiungete a piacimento!)

Frullo tutto assieme e verso nella tortiera già rivestita da una base di frolla lievemente pre-cotta:per la mia tortiera da 24cm ho usato le dosi che di solito uso per quella più grande - 375 farina/250 burro/125zucchero/2 tuorli perchè volevo un rapporto pasta/ripieno con una buona percentuale di pasta, per sorreggere tutto il budino di zucca!

Cuoce a temperatura non troppo alta - 170°/180°c - abbastanza a lungo, coprendo la superficie con un foglio di alluminio a metà cottura per non colorirla troppo. Non vale la prova dello stuzzicadenti (non esiste che vada a rovinare la superficie liscia e compatta della torta!) per cui mi affido allo studio del tremolio gelatinoso: non deve essere liquida, ma neanche troppo soda: è pronta da sfornare quando tremola ancora leggermente al centro, ma si capisce che ha preso corpo - raffreddando comunque si compatta ulteriormente. (Okay, un'indicazione più vaga di così non potevo darla,  ma giuro, non guardo mai il tempo: vedo come sballonzola muovendo la tortiera!)

Indicazioni incomprensibili a parte, la torta merita di essere provata: è morbida, profumata, dolce, speziata... praticamente perfetta!

IMG_20161211_213535

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails