La Torta di Mele esattamente come piace a me

 

Le mie colleghe lo sanno: quando arrivo in ufficio con il delizioso portatorte di stoffa in stile giapponese che mi ha regalato la mia amica Sissi, vuol dire che la nostra giornata lavorativa sarà dolce.
Di solito entro con nonchalance nell'open space che ci ospita, ma colgo subito gli sguardi di chi mi nota e controlla se stia andando a depositare il mio pacchetto sul mobile dove appoggiamo sempre i dolci da condividire (eh sì, perchè c'è un luogo prefissato. Evidentemente siamo un ufficio di buone forchette). Vedo teste che saltano su dalle scrivanie, modello "cane della prateria in ricognizione", e di solito non ho finito di aprire i contenitori che qualcuno è già venuto ad ispezionare l'offerta del giorno. Diciamo che non ho mai avuto il dubbio che i miei dolci non fossero apprezzati!

Due delle tre torte che ho portato settimana scorsa in ufficio sono già debitamente documentate sul blog:
- la Torta di Carote della Pioneer Woman
e
- la Torta alle Banane (che nella ricetta propongo come plumcake da colazione, ma che spesso cuocio in teglia per essere tagliata a quadrotti. Nella foto lo vedete "cioccolatoso" in basso a destra  perchè ci avevo aggiunto una confezione di gocce di cioccolato prima di infornare!)

 Oggi tocca quindi alla Torta di Mele esattamente come piace a me : morbida, umida e profumata, io questa torta la amo tantissimo (infatti piango all'idea che sia già finita. Però in cucina mi aspetta la Pumpkin Pie, per cui potrei consolarmi).

E' una torta supersemplice, con pochissimi ingredienti:
  • 3 uova
  • 200g zucchero 
  • 200g farina
  • 3 mele
  • vanillina (qb), sale (un pizzico), cannella (a gusto: per me tanta!)
  • 1 bustina di lievito in polvere istantaneo
Inizio pelando le mele e tagliandole in piccoli tocchetti, che lascio in acqua e limone perchè non si anneriscano.

Separo tuorli ed albumi in due ciotole della planetaria. Monto a neve gli albumi in una ciotola, e li metto da parte. Ai tre tuorli aggiungo un cucchiaio d'acqua e li monto leggermente, poi aggiungo zucchero, vanillina, sale, cannella e lievito.

Unisco il contenuto delle due ciotole, poi aggiungo la farina e per ultime le mele ben scolate.


Nei miei appunti sul quadernino magico delle ricette non ho scritto nulla sulla temperatura di cottura, per cui ho puntato ai 180°c e ho controllato la cottura a colpi di stecchino. Ovviamente il tempo dicottura varia anche in funzione della teglia scelta: quando la cuocio nella teglia bassa e larga per portarla al lavoro tagliata a tocchetti ci mette un po' di meno che quando la cuocio nella tortiera tonda da 24, che mi dà una torta decisamente più alta. Quindi... occhio!

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails