Polpettine improvvisate con ceci e melanzana

La scena in cucina è stata più o meno questa: io che fisso con occhio pallato il frigo, in cerca di ispirazione. Lancio un'occhiata fuori dalla finestra, dove il cielo nuvoloso mi offre una giornata fresca che potrebbe indurmi ad accendere i fornelli. Torno a fissare il frigo, e sbircio nel ripiano in basso una melanzana che avrebbe proprio bisogno di finire in padella. Mi giro verso la finestra, con sbirciatina all'orologio per vedere se è tardi per mettersi a cucinare una melanzana. Effettivamente.... c'è da sbrigarsi.

Ma che farci? Condimento per la pasta? No, ho fatto voto di darci un taglio con la pasta. Il dottore approva, e suggerisce i legumi con le loro proteine vegetali. Ok. Secondo me ci potrei mischiare... hmm magari dei ceci? All'inizio avevo pensato a degli involtini di melanzana ripieni di crema di ceci... ma poi ho guardato la melanzana e mi è scesa la voglia di tagliarla a fette e cuocerla per renderla pliabile abbastanza da arrotolarla. Allora decido... di farla a pezzi. La taglio a cubetti, che lancio in un'insalatiera e li infilo nel microonde. Ebbene sì, evviva le scorciatoie: melanzana cruda e scondita, cotta 6-8 minuti a potenza 8 nel microonde, per ammollarsi un pò senza fatica.

Poi recupero i ceci, ovviamente in scatola e precotti (scegliete la marca preferita, non sono qui a fare pubblicità) e li rovescio nel bicchiere del Bimby (o qualsiasi altro frullatore. Io questo trentennale Bimby ho, e me lo tengo!), e poi condisco con sale, aglio in polvere, origano, curcuma, pepe e spezie da cous cous. (Beh, a me piacciono le cose speziate, ma potete anche saltare curcuma e spezie esotiche, e farne una versione più "mediterranea"). Aggiungo le melanzane a cubetti, che nel frattempo si sono cotte ed ammollate, e frullo, frullo, frullo. Assaggio per aggiustare di sale o spezie.

Per rendere l'impasto un pò più consistente, lo addenso con un pò di pangrattato di pane integrale finchè non è abbastanza denso da essere modellato a mò di polpettina, che rotolo in altro pangrattato e passo in padella finchè non si forma una crosticina croccante, che contrasta benissimo con l'interno morbido e cremoso. Stasera sono curiosa di assaggiarle in versione fredda per valutare se inserirle nella mia rosa di "ricettine di cose adatte da portare a cene o picnic"... ma per adesso sono molto molto soddisfatta.

Restano ben leggere, anche considerato che l'unico olio presente in ricetta è quello (pocoooooo) che metto sul fondo della padella per incoraggiare la formazione della crosticina; non ci sono uova per impanare o legare, non c'è olio nè burro nell'impasto..insomma, non fosse per il salto in padella, sarebbero quasi dietetiche! Beh, con un pò più di tempo a disposizione, sono convinta che verrebbero benissimo anche in forno... senza nemmeno l'olio "per la padella"! ;) Da provare!

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails