Odio e amore: le coste

Devo confessare di aver avuto da un bel pò una relazione di odio e odio con questo vegetale, probabilmente perchè ne ho mangiate troppe al vapore, scotte e mollicce.... una tristezza senza fine! Davvero, ero arrivata al punto di storcere il naso e saltare oltre quando le vedevo al supermercato. Poi ho deciso di metterfi a frugare online alla ricerca di nuove ricette, idee diverse e varie... e da qui la rivelazione: fatte in padella sono ottime!
La prima volta sono state un piatto unico assieme a della pancetta a coriandoli e delle patate bollite, su ispirazione di un blog americano. Un pò laborioso da preparare: ricordarsi di bollire le patate in anticipo, poi pelarle e tagliarle a cubetti, da saltare in padella con la pancetta. In un'anltra padella, stufare la parte bianca delle coste tagliata a dadini piccoli, e quando sono quasi cotte aggiungere il verde tagliato a striscioline.... e poi saltare assieme patate pancetta e verdure per insaporire, con un pò di sale pepe e aglio.... un sacco di padelle e pentole sporche, però ne valeva la pena!
Detto questo, la foto risale invece a un'altro esperimento, senza patate ma in forma di torta salata (evviva le sfoglie rustiche già pronte della buitoni!)... le stesso coste spadellate con la pancetta, con un pò d'uovo diventano un'ottimo e verduroso ripieno!


7 13 11 09

7a 13 11 09 2

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails